Cinque Terre: Cosa visitare in un Weekend

gennaio 3, 2016

Ed è finita anche la mini vacanza alle Cinque Terre ma, sono pronta per raccontarvi tutto quello che è caratteristico visitare in un weekend tra i vari comuni di questa meravigliosa terra ligure.

Cinque piccole cittadine visitate a cavallo tra dicembre 2015 e gennaio 2016 e per di più in una giornata di sole, potevo avere di meglio?

COME ARRIVARE ALLE CINQUE TERRE? 
Consiglio di arrivare alle Cinque Terre o con la macchina o con il treno anche se sicuramente il secondo mezzo è il più comodo.
I parcheggi alle cinque terre sono pochi e la maggior parte a pagamento, inoltre i cinque comuni sono  tutti zona pedonale quindi come vi consiglio di seguito, consiglio di lasciare la macchina nel parcheggio e utilizzare  sempre il treno durante la vostra permanenza. 

COME SPOSTARSI ALLE CINQUE TERRE? 
Innanzitutto consiglio vivamente la tessera Cinque Terre, una card che permette in tutta comodità di spostarsi da La Spezia a Levanto con il treno (che ha una cadenza più o meno di ogni ora) ma anche bus e include wi fi gratuito in tutte le stazioni. La Cinque Terre Treno MS consente inoltre l’accesso all’area parco, visite guidate.
Il costo è di 12 € al giorno ed è acquistabile al punto INFORMAZIONI che troverete in ogni comune delle cinque terre ma NON acquistabile alla macchinette biglietti Trenitalia delle stazioni.
Sul biglietto è obbligatorio scrivere il proprio nome per possibili controlli.

cinque terre treno MS card di #viaggiareapois
Cinque Terre Treno Multi servizi Card

COSA VISITARE ALLE CINQUE TERRE IN DUE GIORNI?

1.RIOMAGGIORE

-VIA DELL’AMORE
– TUNNEL DI MOSAICI
– CASTELLO DI RIOMAGGIORE
-CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Scesi dal treno subito sulla sinistra salendo le scale inizia la Via dell’Amore un percorso che da Riomaggiore porta a Manarola costeggiando il mare mentre, se percorrete la strada verso destra  dovrete passare lungo un tunnel decorato con mosaici e mattonelle colorate che vi porterà nel “centro” di Riomaggiore.
Qui assolutamente da visitare il Castello, dalla forma quadrangolare ed edificato dalla metà del ‘200.
I Della Turca che lo costruirono per proteggere i piccoli centri abitati e l’approdo della marina. Il castello presenta negli angoli verso monte due torri circolari che si elevano su una cinta muraria proprio per osservare se vi fossero attacchi e non far sbarcare aggressori. Attualmente è adibito a mostre, convegni o piccoli concerti. Scendendo poi da una piccola stradina dal castello si arriva alla Chiesa di San Giovanni Battista .
La chiesa fondata nel 1340 e ampliata nel 1870  è a pianta basilicale a tre navate.
Sicuramente caratteristico da visitare è il piccolo porto con tante barche di pescatori tutte colorate.

Riomaggiore e il suo Castello
Chiesa San Giovanni Battista Riomaggiore

2.MANAROLA

– PRESEPIO ( DA VEDERE NEL PERIODO NATALIZIO) 
– CHIESA DI SAN LORENZO 
– IL BASTIONE DI MANAROLA
– IL SANTUARIO DELLA NOSTRA SIGNORA DELLA SALUTE 

Ad oggi durante il periodo di festività natalizie vi è un presepe tutto illuminato sul monte con personaggi a grandezza uomo da visitare verso sera.
La chiesa della Natività di Maria Vergine o di San Lorenzo è la chiesa parrocchiale della Natività di Maria Vergine viene comunemente indicata come chiesa di San Lorenzo, patrono del paese, festeggiato ogni 10 agosto. L’edificio risale al 1338, come indica la lapide posta nella parte destra della facciata, ed è opera in stile gotico ligure.
L’interno della basilica presenta una pianta a tre navate  in stile barocco con volta a botte.
Il Bastone di Manarola è cioè che resta del  castello di Manarola ad oggi quasi del tutto scomparso.
I ruderi sono inglobati nelle murature che sostengono le case affacciate sulla falesia verso il mare.
Il Santuario di nostra Signora della Salute è una chiesa composta a una sola navata a pianta rettangolare. Di forme romaniche, ha facciata a conci squadrati e portale con arco ogivale in arenaria, sovrastato da una bifora gotica.  L’immagine venerata della Madonna venne incoronata nel 1891 e  la festa del santuario cade la prima domenica di agosto. Il santuario si trova in località Volastra, una borgata collinare di Manarola, disposta ad anfiteatro sopra un poggio. Le case limitrofe al santuario sono molto antiche e presentano ancora oggi portoni rustici formati da blocchi di pietra.

3.CORNIGLIA
La chiesa di San Pietro: La chiesa parrocchiale di San Pietro si trova situata nella parte alta di Corniglia.
I Fieschi la vollero in stile gotico ligure, ma lo stile predominante è il barocco. La facciata trecentesca in pietra fonte locale è ornata da una cornice a denti di sega, sorretta da archetti e soprattutto da un prezioso rosone in marmo bianco di Carrara.
Il Santuario: Il santuario di Nostra Signora delle Grazie è il risultato della ristrutturazione ottocentesca di una precedente cappella, forse di origine tardo medievale. L’icona venerata è una tela della Madonna con Bambino, originariamente raffigurata tra San Bernardo da Chiaravalle e San Bernardino da Siena. L’opera fu poi divisa e la tela con la Madonna, incoronata nel 1874, fu collocata sopra l’altare, mentre due ovali alle pareti ritraggono le immagini dei santi.
La festa del santuario è celebrata l’8 settembre.

4.VERNAZZA

-CHIESA DI SANTA MARGHERITA
– TORRIONE DI VERNAZZA
– CASTELLO DORIA 

Dalla stazione proseguire per la discesa fino al mare sul quale si affaccia la Chiesa di Santa Margherita. Fondata presumibilmente su una precedente cappella, la chiesa risale alla prima metà del XIII secolo.
Eretta sugli scogli di una piccola baia è composta da due parti differenti , una più antica verso la spiaggia e la seconda poggiante su un grande arco di sostegno. La pianta della chiesa è a tre navate con una grande impronta romanica, testimoniata dalle colonne robuste che sorreggono archi a tutto sesto. Per la sua vicinanza al mare e la sua impotenza, rappresentava un punto di forza del sistema difensivo di Vernazza.
E proprio in questo piccolo paese che si può trovare il torrione che fa godere di una vista panoramica mozzafiato.
Vi è anche un Castello il Castello Doria che in questi giorni era chiuso quindi informatevi prima di salire per nulla.
A Vernazza un tramonto spettacolare.

Chiesa Santa Margherita Vernazza
Tramonto a Vernazza

5. MONTEROSSO

– TORRE AURORA
– CHIESA SAN GIOVANNI BATTISTA
– ORATORIO CONFRATERNITA DEI NERI
-CONVENTO DEI CAPPUCCINI 

Ultima tappa delle cinque terre e sicuramente la migliore.
Monterosso gode di un ottima passeggiata lungo mare dove troverete la Torre Aurora.
Usciti dalla stazione proseguite verso sinistra troverete poi le indicazioni in primis per il centro storico dove vi si trova la chiesa di San Giovanni Battista e l’Oratorio della confraternita dei Neri . Mentre ( sempre verso destra) su una “montagnetta” vi è il Convento dei Cappuccini. Le origini del convento risalgono al XVII secolo, chiuso durante l’era di Napoleone e riaperto verso il 1816 ma poi di nuovo abbattuto perché adibito come ospedale per gli operai ammalati di colera.

Torre Aurora Monterosso
Mare cristallino di Monterosso
Chiesa San Giovanni Battista Monterosso

DOVE DORMIRE ALLE CINQUE TERRE? 
Avete letto il mio Itinerario per le Cinque Terre e quindi avete fatto la valigia e siete pronti per partire?
Solo che vi manca un alloggio in cui stare? Il mio consiglio è Appartamento Limone, l’ appartamento in cui regna tranquillità, in cui si respira aria di mare e profumo di limoni.

Ho trovato l’appartamento Limone sul sito Homelidays, un portale di appartamenti per casa vacanze che consiglio per chi cerca degli appartamenti e non hotel per il prossimo viaggio. Io lo utilizzo parecchie volte e mi sono sempre trovata bene.

L’appartamento Limone è localizzato a Riomaggiore. Devo ammettere che è lontano dal parcheggio anche perchè si sa che nelle cinque terre non è possibile accedervi in macchina quindi armatevi di forza , prendete la vostra valigia e tra gradini in discesa e altri in salita arriverete all’appartamento del quale poi vi innamorerete.
Spazioso, pulito, accogliente e con vista mare…una meravigliosa vista mare. L’appartamento comprende fino ad un massimo di sei posti letti due matrimoniali e due letti singoli. Nell’appartamento è presente un salotto, una cucina, un bagno con doccia e un piccolo giardino privato.
Il proprietario poi è gentilissimo e il prezzo della casa per due notti in 5 è stato di 310 € quindi a parer mio anche ad un prezzo davvero basso soprattutto per il periodo di Capodanno.

Camera Matrimoniale Appartamento Limone Riomaggiore
Bagno Appartamento Limone Riomaggiore

COSA E DOVE MANGIARE ALLE CINQUE TERRE? 
Sicuramente se volete provare qualcosa di tipico dovete provare il pesce della zona e la focaccia fatta in mille modi anche se, la focaccia (fugassa) di Recco  preparata con farina, acqua, sale, olio e crescenza rimane la focaccia imbattibile.
Dove mangiare alle Cinque Terre? Clicca QUI

Pesce fresco fritto  – Tutti Fritti Riomaggiore

#viaggiareapois
Seguimi sui social:

7 Comments

  • Avatar

    Diletta – Sempre in Partenza

    gennaio 3, 2016 at 9:35 pm

    Ma che bello il capodanno festeggiato così! Sai che non ci sono mai stata alle cinque terre?? Terrò a mente i tuoi consigli per quando ci andrò (spero presto!) 🙂

    1. Avatar

      viaggiareapois

      gennaio 7, 2016 at 7:04 pm

      Se avrai bisogno di qualcosa chiedimi pure le cinque terre sono davvero bellissime!
      Sara

  • Avatar

    Lucrezia & Stefano – In World’s Shoes

    gennaio 3, 2016 at 9:39 pm

    Noi mon siamo ancora mai stati alle 5 terre e non vediamo l’ora di visitarle! La Liguria è una terra bellissima! Grazie per questo articolo dal quale prenderemo sicuramente spunto! 🙂

    1. Avatar

      viaggiareapois

      gennaio 7, 2016 at 7:04 pm

      Grazie mille, se avrete bisogno chiedetemi pure!
      Sara

  • Avatar

    Elisa

    gennaio 4, 2016 at 12:07 pm

    Mare e storia! Le due cose che preferisco! Mi sono innamorata del tunnel con i mosaici *.*

    1. Avatar

      viaggiareapois

      gennaio 7, 2016 at 7:05 pm

      Si è davvero molto carino, collega la stazione da Riomaggiore.
      Sara

  • Avatar

    Elisa

    gennaio 4, 2016 at 4:13 pm

    Sara, ma che bello! Mi fai ricordare le due volte che sono stata alle Cinque Terre un pò di tempo fa.
    Sono bellissime tutte, ognuna con il suo personale tratto distintivo. Ho comunque preferito Monterosso, presso la quale ho ammirato uno splendido tramonto fronte-mare.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prev Post Next Post