Saragozza: Una città misteriosa

Saragozza è una città che si trova al centro est della Spagna.  Oggi conta circa 600 mila abitanti ed è una città poco conosciuta ma piena di fascino e anche molto misteriosa. La sua bellezza mi ha davvero colpito e oggi voglio raccontarvi tutto quello che ho visitato in un weekend di primavera.

Premetto che questo viaggio non è stato voluto, mi sono semplicemente aggregata ad un viaggio organizzato da mia madre e sono partita allo sbaraglio ricevendo però, una piacevole sorpresa.
Dopo un volo della durata circa di due ore prendiamo un autobus LINEA 501 dal costo di 1,85€ per il centro (attenzione consultare gli orari online a questo link sopratutto durante la domenica e giorni festivi perché abbiamo dovuto aspettare un ora in aeroporto) dopo di che decidiamo di raggiungere l’hotel a piedi da Paseo Maria Martin, il terminal del autobus, visto che distava solamente quindici minuti di camminata.

Per chi desiderasse è possibile anche noleggiare una macchina oppure prendere il taxi costo della corsa è di circa 25-30€ in base a traffico e localizzazione del vostro hotel.

Per l’alloggio mi sono affidata a Booking e ho prenotato un hotel della catena Ibis. L’hotel l’Ibis Style Zaragoza Ramiro I è un ottimo hotel a dieci minuti a piedi dal centro, pulito economico e con un gran buffet per la colazione ( all’incirca ho pagato a notte 25-30€). Io lo consiglio molto come punto di appoggio per visitare la città anche se ammetto ho trovato il personale molto freddo e poco accogliente.

Passiamo alla visita della città. Io per preferenza ho visitato tutto a piedi è davvero tutto molto vicino e in tal caso due passi fanno sempre bene, altrimenti ci sono un sacco di linee urbane di autobus e un tram per spostarsi. Purtroppo Saragozza non dispone di una metropolitana ma il centro è talmente piccolo che credo non ce ne sia bisogno.

Partiamo quindi dalla piazza principale Plaza de Pilar qui sono presenti la Basilica de Nuestra Signora de Pilar che anche se grande e maestosa non è considerata la chiesa principale, e la Cattedrale del Salvator o Cattedrale de La Seo. La prima chiesa è gratuita tranne El mirador che costa 3€ e permette di salire a 75 metri in ascensore più altri 25 a piedi per avere una bellissima visuale dall’alto di Saragozza o Zaragoza come sarebbe opportuno dire in Spagna. El mirador si trova dietro la chiesa verso la strada che accosta il fiume ,l’entrata si trova proprio a sinistra dalla porta del retro della basilica.

Vista della Basilica dal Ponte de Piedra
Vista Basilica e Saragozza da El Mirador

L’ ingresso della Cattedrale La Seo invece, costa 4€ e include l’ingresso alla cattedrale e un libretto illustrativo in italiano che permette di percorrere passo passo tutta la storia della sua costruzione e dei santi che vi sono custoditi al suo interno. Non sono permesse fotografie all’interno.

Tra le due chiese il palazzo della Lonja, un palazzo dove attualmente vengono esposte mostre contemporanee qui da notare la decorazione del soffitto. Proprio a lato della Lonja una via stretta porta al ponte de Piedra, un ponte costruito in epoca romana per la commercializzazione fluviale dove oggi si possono scattare bellissime fotografie della Basilica e del fiume Ebro sopratutto la sera tardi quando regna silenzio e pace.

La nostra visita prosegue costeggiando il fiume che porte alla Plaza de Cesare Augusto, qui un’altra torre chiamata Torreon de la Zuda dove poter ammirare la città dall’alto adornata ai piedi di ritrovi romani. Di fronte ai resti romani il Mercato Centrale, un vero e proprio mercato non come quello di Barcellona o Madrid, un mercato dove comprare carne pesce frutta e verdura ogni giorno freschi e di ottima qualità.

Mercato Saragozza

 

Plaza Cesare Augusta
Torreon de la Zuda

Il primo giorno prosegue nella visita delle chiese, ma la sfortuna di alcuni restauri ci ha permesso di vederle solo esteriormente.

 

Passiamo poi al secondo giorno con la visita del Palacio o Castello  de Aljaferia. Un palazzo meraviglioso patrimonio dell’UNESCO che racchiude al suo interno grandi stanze e decorazioni in stile mudejar stile caratterizzato da un influenza araba che nel corso della Reconquista dominò il paese. Questo palazzo mi ha ricordato tantissimo le Alcazares di Siviglia. Al palazzo va dedicata una bella mattinata intera.

Stemma di Aragona


Nel ritorno obbligatorio passare da Plaza de Toros dove è possibile ammirare l’arena e qui un vecchietto carinissimo ci chiede ma che ci fate a Saragozza? E inizia così a parlarci dell’arena e noi curiose chiediamo quando è possibile visitarla o se è ancora in funzione e lui risponde solo durante la festa della città in cui vengono svolte ancora oggi delle corride.

E il pomeriggio che si fa? Beh qualcosa che inizia con la lettera S…SHOPPING! 
Eh sì perché in Spagna per chi è amante  delle catene Low cost spagnole come Zara Mango cui fa davvero la convenienza. Ricordo ancora quando durante un ritorno da New York feci scalo a Madrid e rividi una giacca che avevo visto in uno store a NY, a New York costava ben 70€ a Madrid 40€ e in Italia 50€. Quindi aprite bene gli occhi.

Cosa invece ho trovato di molto costoso? LE CALAMITE.  Sarà una stupidata ma sapete alla nonna non si possono non portare dei regali dopo un viaggio visto la mancia che ci ha dato 🙂
Eh sì cari miei i costo di una calamita si aggira tra i 3-4€ che per me sono tantissimi non credete?

Terzo e ahimè ultimo giorno visita nella SARAGOZZA ROMANA.
A Saragozza neanche tantissimo tempo fa inizio anni 90 grazie a degli scavi, sono stati ritrovati dei resti di epoca romana ed ecco che da qui inizia il nostro Itinerario di CesaraAugusta. L’ itinerario comprende le terme romane, il porto fluviale, il foro e il museo del teatro. Un piacevole percorso per scoprire come era prima Saragozza.  Eh sì perché è cambiato davvero molto. Sotterranei costruzioni da non credere.
L’ingresso singolo costa 3€ mentre il percorso dell’itinerario che consiglio costa 7€ e fatto con calma ricopre 3 massimo 4 ore.

Puerta del Carmen

DOVE MANGIARE A SARAGOZZA

Due posti che consiglio vivamente sono 100 Montaditos, catena spagnola di tapas e il Mercado Enogastronomico.
100 montaditos lo consiglio per la sua convenienza il lunedì, mercoledì e la domenica  si possono trovare tutte le tapas e montaditos ossia paninetti farciti solamente a 1€  mentre per il resto dei giorno a 1,5-2€ quindi è comunque conveniente e si può cenare con 5-7 euro a testa.

 

Il Mercato Enogastronomico di Saragozza si trova in Plaza de Espana ed è un mercato al chiuso dove si possono degustare tutti i prodotti tipici della città. L’ho trovato per caso ma è un posto super figo dove vivere a pieno i prodotti locali e sopratutto MANGIARLI. Paella, carne, pesce insomma di tutto dall’antipasto al dolce. I prezzi sono cari un piatto di paella 7-8€ ma la qualità si sente.

 

 

DOVE COMPRARE DEL BUON JAMON A SARAGOZZA? 

Davanti al mio hotel ho trovato Jamoneria Antonio che ha prezzi davvero buonissimi e ti prepara qualsiasi taglio di jamon d’Aragona o Iberico se non si trova il pezzo che si desidera e tra formaggi della zona e prosciutti ci si passerebbe la giornata li dentro. Sopratutto visto che già alle 9 del mattino ti offrono sangria a più non posso.

 

 

#viaggiareapois
Seguimi sui social:

FACEBOOK
TWITTER
INSTAGRAM
Guarda i miei video su YOUTUBE

Sara Gaffurini

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *